Il Nome
Nel corso dei secoli è stato chiamato Munt’frand (1150), Mons Ferrantus (1279), Castel Ferrando e Castelferrando (1290), Mons Ferrandus (1320), Monte-ferrando (1436), Monte Ferrante (1447), Mons ferrans (1481), Mons Ferdinandus (1600 – 1700) ed infine lateraleMonteferrante.
La tradizione vuole che la seconda parte del nome derivi da re Ferrante I d’Aragona il quale concesse il possesso del paese ai figli di Marino Caracciolo nel 1468, però il nome esisteva già prima che sul trono del regno di Napoli salisse Ferrante o Ferdinando d’Aragona, il quale regnò dal 1458 al 1494. L’origine del nome non è chiara.
La prima parte, «Monte», deriva naturalmente dal luogo su cui si appoggiarono e si appoggiano tutt’ora le case più antiche. La seconda parte pare etimologicamente legata a ferro e potrebbe derivare dal fatto che il monte era fortificato, considerando «ferrante» simile a «ferrato» nel senso di ferreo, saldo, come in Pizzoferrato; c’è da notare che in un documento risalente al 1150 circa Monteferrante è detto anche Monteferrato.
Il termine Ferrante lo ritroviamo anche in nomi e cognomi e deriva, con varie motivazioni sempre da ferro e si collega con l’antico nome francese del mantello grigio-ferro dei cavalli «ferrant»; in tal senso era usato anche come nome di cavalli nell’epoca cavalleresca. L’aggettivo ferrante potrebbe anche derivare dal nome di un signore del castello.

A tal proposito dobbiamo focalizzare l’attenzione su un passo del «catalogo dei Baroni». Esso, scritto a partire dal 1153 sotto la denominazione normanna, riporta i nomi di feudatari e vassalli di molti centri dell’Abruzzo con l’indicazione dei feudi posseduti e delle relative prestazioni militari che il feudatario era obbligato a fornire al re. Ad un certo punto, nell’elenco dei vassalli del conte Simone di Sangro, potente feudatario morto nel 1168, viene nominato un certo Roberto di Montefraynella Ferrante il quale nella terra burrellense possedeva, a nome del conte Simone, ed insieme alla moglie di un certo Raynaldo, un feudo non meglio precisato, Carpineto, la terza parte di Castglione ed altri ancora.
Più avanti, nel catalogo stesso, a Roberto di Montefraynella Ferrante e alla moglie di Raynaldo viene sostituito, come feudatario, Raynaldo Monteferrante, altrove detto anche Montefferato.
Il passo ricordato, che nella forma integrale sarà trascritto e commentato più avanti, è alquanto confuso. Per noi è importante perchè in esso compaiono personaggi appellati Montefraynella Ferrante, Monteferrante e Monteferrato. e perchè in seguito alle considerazioni esposte più avanti, il feudo non meglio precisato può identificarsi proprio con Monteferrante.

Cenni storici
Monteferrante sorge un colle roccioso, panoramico, alla destra del fiume Sangro. Il suo territorio è ricoperto di grandi boschi e pascoli. Il nucleo abitato, sorto attorno al castello medievale, si presenta con le case “aggrappate” alla roccia.
Nella parte alta del paese di intravedono i pochi ruderi del piano dell’antico castello della famiglia dei Sangro. Le informazioni di questo castello restano quasi esclusivamente nella memoria popolare come luogo in cima al colle. Rimangono invece alcune tracce delle antiche mura, dove sono ancora visibili una piccola porta d’accesso collegata alla chiesa di San Giovanni Battista ed un breve tratto di fortificazione.
Le prime notizie storiche risalgono al XII secolo. Dal XV secolo fu feudo dei Caracciolo, ed è in questo periodo che ha conosciuto il massimo splendore sotto la baronìa di questa famiglia.
La chiesa di San Giovanni Battista Decollato è di antiche origini e modificata ed ampliata più volte dal XVII sec. Le notizie più antiche su questa chiesa non sono molte ed una delle prime citazioni storiche si trova nelle Rationes decimarum Italiae. In esse è citata l’esistenza delle chiese di San Pietro, Santa Lucia ed San Giovanni Battista. Attualmente è visibile la facciata così come restaurata nel 1927. La chiesa ha un discreto portale ed una torre campanaria a base quadrata in pietra, mentre gli interni sono di tipo barocco.
Deve la sua notorietà ad una fonte di acqua oligominerale indicata efficacemente per la calcolosi renale e diete povere di sodio. Ora questa sorgente è apprezzabile in una bella fontana pubblica monumentale.
I boschi circostanti, composti di cerri, faggi ed abeti, fanno da cornice alla chiesa di Santa Maria del Monte.

EVENTI

16 GENNAIO SANT’ANTONIO ABATE


19 MARZO TAVOLATA DI SAN GIUSEPPE


10 AGOSTO SAGRA DI LI CILLITT DI MONTEFERRANTE


24 GIUGNO SAN GIOVANNI BATTISTA


28 AGOSTO SANT’ANTONIO


29 AGOSTO SANTO PATRONO SAN GIOVANNI BATTISTA MARTIRE


30 AGOSTO SAN ROCCO


11 SETTEMBRE FESTA SANTA MARIA DEL MONTE LOC. ” LUPARA”